Skip links
Optimiser la vitesse de chargement : un élément essentiel en SEO

Ottimizzare la velocità di caricamento: elemento essenziale della SEO

Quando una pagina di un sito impiega molto tempo a caricarsi, la navigazione dell’utente viene interrotta e l’utente potrebbe preferire andare da un’altra parte per trovare le informazioni di cui ha bisogno. Inoltre, la velocità di un sito, soprattutto su mobile, è un aspetto che Google considera molto importante e che ti penalizzerà in termini di SEO se la velocità del tuo sito non è ottimale. In questo articolo scoprirai perché, ma anche come migliorare la velocità di caricamento del tuo sito web per garantire la miglior SEO possibile e un sito “SEO-friendly”.

Perché è necessario accelerare il caricamento delle pagine?

Da un punto di vista SEO

Da un lato, la velocità di caricamento di un sito web è uno dei fattori di posizionamento dei robot di Google: migliori sono le prestazioni del proprio sito, maggiore sarà l’impatto positivo sul posizionamento. In un’epoca in cui i comandi vocali rappresentano 1⁄3 delle ricerche sul web, non ci prendiamo nemmeno più il tempo di digitare le nostre ricerche. I motori di ricerca devono quindi avere una risposta il più possibile istantanea. Si stima che un sito con un tempo di caricamento standard sia in grado di caricare una pagina in un tempo compreso tra i 300 e i 500 ms. Poiché il numero di ricerche sui telefoni cellulari continua a crescere e i telefoni cellulari non hanno la stessa potenza di un computer, è necessario ottimizzare i tempi di caricamento delle pagine web.

Dal punto di vista dell’utente

D’altra parte, per un utente è molto frustrante navigare su un sito web che ha difficoltà di caricamento. Si stima che un utente non aspetterà mai più di 3 secondi.

In realtà, se impiega più di 600 ms, il tempo di caricamento è considerato troppo lungo e l’utente preferirà chiudere la scheda e andare a cercare le informazioni altrove.

Come effettuare una diagnosi del proprio sito web?

Prima di cercare di migliorare il tempo di caricamento del proprio sito web, è ovviamente necessario effettuare un assessment del proprio sito web.

Keyweo ha selezionato 3 strumenti che possono aiutarti ad analizzare la velocità di caricamento di una pagina. Il risultato ottenuto determinerà se il tuo sito richiede un’ulteriore ottimizzazione o se è sufficientemente veloce. Per un’analisi più dettagliata, ti invitiamo a consultare questo articolo.

In Internet sono disponibili diversi strumenti a questo scopo. Il primo strumento da utilizzare è quello proposto da Google stesso.

Google Pagespeed Insights

Questo strumento è molto facile da usare ed è in grado di stimare il tempo di caricamento sulla versione desktop e mobile del tuo sito. Attenzione, i risultati sono diversi a seconda del supporto. Un sito può essere molto ben ottimizzato su desktop ed essere lento su mobile.

È sufficiente incollare l’URL della pagina che si desidera analizzare nello spazio dedicato. In meno di un minuto, otterrete un rapporto dettagliato dei punti da migliorare sulla propria pagina. Google ti darà anche un punteggio da 1 a 100: se il tuo sito ottiene un punteggio compreso tra 90 e 100, è considerato un buon punteggio e il sito è efficace. Ora sta a te analizzare il rapporto di Google e prendere le decisioni necessarie per massimizzare le tue possibilità di essere ben posizionato.

GTmetrix

GTmetrix funziona come lo strumento offerto da Google. Si incolla l’URL della pagina da testare e lo strumento si occupa di assegnare un punteggio e una diagnosi in pochi secondi.

GTmetrix, d’altra parte, è più visivo e più intuitivo per gli utenti rispetto a Google Pagespeed Insight. Inoltre, le azioni da intraprendere per ottimizzare il tempo di caricamento della pagina sono prioritarie. Quando si tratta di aree tecniche da migliorare, GTmetrix fornisce un’analisi più completa e approfondita per aiutarti a individuare le opportunità di ottimizzazione.

Pingdom Tools

L’uso di Pingdom Tools completerà la tua analisi.

Questo software fa più o meno la stessa cosa, ma è interessante confrontare i risultati tra i due test.

Lo strumento Pingdom ti mostrerà 4 criteri principali:

  1. Peso della pagina
  2. Il tempo di caricamento
  3. Il numero di richieste durante il caricamento della pagina
  4. Un indice delle prestazioni

Proprio come lo strumento di Google, Pingdom Tool suggerisce aree di miglioramento per il tuo sito web e fornisce anche i codici di risposta.

Sebbene molto simili, questi tre strumenti consentono di ottenere diversi punti di vista sul tuo sito web. Sta poi a te mettere in relazione i risultati e scegliere le aree di miglioramento migliori.

Ora che sappiamo in che stato si trova il tuo sito web, ti forniremo un elenco di suggerimenti per ottimizzare il tempo di caricamento della tua pagina web.

I nostri consigli per velocizzare il tempo di caricamento delle vostre pagine web

Sul lato server

  • Scegli un host web ad alte prestazioni.

Esistono molti host web sul mercato e a tutti i prezzi. Esistono due tipi di server: dedicati e condivisi.

I server condivisi sono in linea di massima meno efficienti. Come suggerisce il nome, i server sono condivisi da più siti, il che può rallentare le prestazioni del proprio server, se vengono effettuate troppe connessioni ad altri siti sul server. Preferisci quindi un server dedicato esclusivamente al tuo sito.

  • Utilizzare un CDN (content delivery network)

Un CDN è in realtà un sistema di collegamento dei contenuti. I computers sono collegati in rete attraverso internet e agiscono come specchi per rispecchiare il contenuto di un sito su un server per migliorare le prestazioni del meccanismo di trasmissione/consegna dei contenuti.

Ciò si traduce in una riduzione dei costi della larghezza di banda e in un miglioramento dell’esperienza dell’utente.

  • Utilizzo del precaricamento DNS

Il DNS è ciò che porta il traffico a un nome di dominio. È ciò che traduce la propria ricerca “www.keyweo.com” in un linguaggio informatico che consente a tutti i computer di essere interconnessi e di comprendersi a vicenda. Si assicura che ti connetta a un particolare nome di dominio e si colleghi al server in cui è ospitato.

È possibile precaricare il DNS (mantenendolo in cache per un periodo di tempo predefinito) in modo che la risposta alla query sia più veloce.

  • Utilizzare piattaforme di archiviazione esterne per evitare di sovraccaricare il server.

Per ottimizzare il caricamento delle tue pagine, ti consigliamo di ospitare i contenuti più pesanti su piattaforme di archiviazione indipendenti dal tuo sito web.

Ad esempio, se si desidera presentare contenuti video, è consigliabile inserirli su piattaforme come Youtube, ecc.

E integrare il link alla propria pagina, essendo il video ospitato su server esterni al proprio, alleggerirà il peso della pagina.

Sul lato del proprio sito web

  • Limitare l’uso di widgets e plugins

È vero che i widgets sono eleganti e rendono un sito più attraente. Tuttavia, a causa del loro peso, sono anche generalmente lenti da caricare. Concentrati solo sui widgets essenziali.

  • Ridurre al minimo l’insieme dei file (ti forniremo gli strumenti per farlo più avanti nell’articolo)

Più leggero è il contenuto del sito, più veloce sarà il caricamento della pagina. È quindi molto importante ridurre il più possibile il peso di tutti i file del sito.

  • Ridurre il codice HTML/CSS

Per visualizzare una pagina web, il browser deve leggere la versione del codice della tua pagina per poterla visualizzare correttamente.

Più breve è il codice che il browser deve decifrare, più veloce sarà la risposta.

  • Ridurre al minimo le richieste HTTP e dare priorità ai contenuti

Ogni riga di codice che deve essere letta aumenta il tempo di caricamento della pagina. Tuttavia, non è necessariamente utile caricare l’intera pagina se l’utente ne utilizza solo una parte.

Ad esempio, non è interessante caricare un menu a tendina finché l’utente non fa clic su di esso.

Esistono diversi plugins per gestire questo aspetto, a seconda del software utilizzato.

Si tratta del cosiddetto “lazy loading”, basta digitare questo nome seguito da quello del software in uso per trovare questi plugins in rete.

  • Ridurre i contenuti Javascript e css

Alcune risorse possono richiedere molto tempo per essere caricate, poiché il browser deve scaricarle durante il caricamento della pagina, il che può richiedere molto tempo.

Elimina le risorse che possono richiedere troppo tempo per essere caricate.

Considera l’ottimizzazione above the fold per dare priorità ai contenuti.

Ecco alcuni strumenti che possono aiutarti a migliorare la velocità di caricamento.

Esistono molti strumenti per ridurre le dimensioni dei file delle tue pagine web. Qui ti presentiamo 6 strumenti che ti permetteranno di migliorare il tempo di caricamento delle tue pagine. 3 di questi strumenti mirano direttamente a velocizzare questo tempo di latenza. Gli altri 3 sono progettati per ridurre il più possibile il peso delle foto. Abbiamo notato che molti dei nostri clienti riscontrano questo tipo di problema sui loro siti, ma non sanno come risolverlo.

3 strumenti per velocizzare un sito

L’utilizzo di questi strumenti richiede buone conoscenze informatiche, quindi si consiglia di rivolgersi a un’agenzia SEO per effettuare questo tipo di miglioramento. Non fare tentativi se non pensi di avere le competenze necessarie, potresti danneggiare il funzionamento del tuo sito web.

Gzip

Questo programma consente di comprimere i file prima che vengano trasportati sul Web e poi il browser li decomprime quando la pagina viene visualizzata. La compressione dei file aumenta le prestazioni del sito e fa risparmiare larghezza di banda.

Gzip è riconosciuto da tutti i browser.

Il link per accedere al programma Gzip si trova qui

web.dev

Proposto da Google, questo strumento è fondamentalmente pensato per gli sviluppatori web, viene utilizzato per la formazione ma anche per studiare il proprio sito come caso di studio. Il vantaggio di questo strumento, a differenza di “Google Pagespeed Insights”, è che offre articoli per migliorare i punti che pongono problemi sul proprio sito. web.dev fornirà un’analisi dettagliata in 4 parti: 1 Prestazioni; 2 Accessibilità; 3 Migliori pratiche; 4 SEO.

Ti consigliamo di visitare questa pagina più volte all’anno e di assicurarti di rimanere sempre allineato. A causa degli aggiornamenti dell’algoritmo di Google che possono avere un impatto sui tuoi risultati.

Puoi trovare il link a Google web.dev qui

WP rocket

WP rocket consente di applicare la compressione dei file con Gzip e di migliorare la velocità di un sito WordPress. Presenta esattamente gli stessi vantaggi di Gzip, già menzionati in precedenza.

Per utilizzare WP rocket è necessario assicurarsi di avere due condizioni:

  1. Il server su cui è ospitato il sito deve avere la funzione gzencode disponibile in php.
  2. mod_deflate deve essere attivato sul server. Contattare il proprio host se non si conosce la risposta.
  3. Le regole necessarie sono inserite nel file di configurazione del server .htaccess, situato nella root del sito.

Puoi trovare il link per accedere a WP rocket qui

3 strumenti per ottimizzare le foto

La maggior parte delle persone rileva questo problema quando verifica le prestazioni SEO di un sito. Purtroppo, nella maggior parte dei casi non sanno come risolverlo. Inoltre, l’ottimizzazione delle immagini mediante compressione è solitamente associata a una perdita di qualità. Tuttavia, esistono strumenti online gratuiti che possono ridurre in modo significativo il peso delle immagini senza che ciò sia visibile a occhio nudo.

In questo articolo confronteremo 3 strumenti gratuiti per l’ottimizzazione delle immagini e ne confronteremo l’efficacia. Per questo confronto utilizzeremo la seguente immagine. La sua dimensione originale è di 499 KB e le sue dimensioni sono di 1920 x 1268 px.

TinyPNG Squoosh Compressor.io
UX/UI Rapido e intuitivo Molto visivo. Possibilità di avere un prima e un dopo Molto visivo. Possibilità di avere un prima e un dopo
Formati accettati JPG / PNG JPG / PNG / Mozjpg / WebP JPG / PNG / GIF / SVG
Download dei file Fino a 20 file contemporaneamente Uno alla volta Uno alla volta
Peso massimo 5MB Fino a 10MB

-Accetta anche dati più pesanti ma la pagina si blocca

10MB
Registrazione Sul computer

Su Dropbox

Sul computer Sul computer

Su Dropbox

Scelta della qualità Impossibile Possibile Impossibile
Necessità di connessione Si No Si
Modifica delle dimensioni Impossibile Possibile Impossibile
Sviluppatore API Google Stephane.Ly
Dimensioni interessate ? No No No
Ottimizzazione 57% 56% 39%
Peso finale 178,3 KB 184KB 253 KB
Qualità La qualità della foto non è stata influenzata dalla trasformazione. Tuttavia, il peso della foto è meno della metà di quello che aveva prima della compressione. Si può notare che la texture del piumaggio del fenicottero è rimasta invariata e contiene ancora molti dettagli. Anche i colori non sono stati trasformati durante l’ottimizzazione. Possiamo concludere che TinyPNG non interferisce con la qualità delle foto, poiché le modifiche apportate sono impercettibili a occhio nudo. Con Squoosh, i dettagli della trama del piumaggio sono meno visibili rispetto alla foto originale. La testa e il becco, invece, hanno quasi la stessa qualità. Anche i colori sono gli stessi dopo la trasformazione. Il vantaggio di questo strumento è che permette di variare la riduzione del peso dell’immagine. Compressor.io è lo strumento che meglio conserva la qualità dell’immagine originale. Le modifiche non sono quasi visibili. La foto è estremamente simile all’originale. Conserva tutti i dettagli e la consistenza del piumaggio del fenicottero.
  • Image TinyPNG
  • Image Squoosh
  • Image Compressor.io

In conclusione…

Ogni strumento è stato in grado di ridurre notevolmente il peso dell’immagine originale. TinyPNG e Squoosh hanno ottenuto un’ottimizzazione superiore al 55% e Compressor.io un po’ meno, il 39%. Tutte le immagini hanno mantenuto la loro qualità e i loro colori e, anche se Compressor si distingue su questo punto, pure Squoosh si è comportato bene. Si può anche notare che la texture dell’immagine è migliore rispetto alla versione TinyPNG.

L’ottimizzazione delle immagini è uno degli aspetti principali delle buone pratiche SEO e dello sviluppo di contenuti adeguati ai criteri di posizionamento sui motori di ricerca. Se ben ridotte, le immagini possono migliorare il tempo di caricamento di una pagina e quindi soddisfare sia gli utenti di internet che Google.

L’ottimizzazione dei tempi di caricamento è solo uno dei tanti punti da tenere in considerazione per un buon posizionamento organico. Per ulteriori suggerimenti, consulta gli altri articoli SEO del nostro blog.

Notez ce post
Annalisa
Annalisa

Leave a comment

Faites passer le mot